Social Networks
Carnevale Romano
14869
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14869,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Giuseppe Gioachino Belli – La ggirànnola der 34

Ce fussi a la ggirànnola jjerzera?
Ma eh? cche ffuntanoni! eh? cche scappate!
quante bbattajjerie! che ccannonate!
cristo, er monno de razzi che nun c’era!

E la vedessi quela lusce nera
c’ussciva da le fiamme illuminate?
Nun paréveno furie scatenate
che vvienissin’ a ffà nnas’e pprimiera?

E ll’Angelo che stava in de l’interno
de quer fume co ttutto er zu’ palosso,
nun pareva un demonio de l’inferno?

E ’r foco bbianco? e ’r foco verde? e ’r rosso?
Disce che inzino a cquelli der Governo
je parze avé sti tre ccolori addosso!

4 aprile 1834

Grazie al genio pirotecnico del Cavalier Giuseppe Passeri, all’instancabile operato di Federico Mollicone e del Comitato per la Girandola di cui siamo parte, al sostegno degli sponsor e all’impegno di partner e collaboratori, anche quest’anno la Città potrà godere di uno spettacolo unico e meraviglioso.

La Girandola affonda le sue radici nella storia. Fu introdotta, infatti, per la prima volta nel 1481 per volere di Sisto IV e da allora fu riproposta ogni anno per festeggiare eventi solenni, come la Santa Pasqua, la ricorrenza dei Santi Pietro e Paolo e l’incoronazione del nuovo Papa, fino al 1871.

Immortalata nelle stampe del Piranesi e di grandi pittori, nelle pagine di Charles Dickens e nei sonetti di Gioacchino Belli, dopo un oblio di oltre 100 anni, la Girandola è stata recuperata e rievocata per la prima volta nel 2006 dal cav. Giuseppe Passeri ed eseguita dai Colli Vaticani in occasione dell’anniversario dei 500 anni della fondazione della Guardia Svizzera Pontificia.

Giunta alla undicesima edizione, la “maravigliaʺ del tempo avrà luogo mercoledì 29 giugno alle ore 21,30 in piazza del Popolo, preceduta dall’intervento della Banda dei Granatieri di Sardegna e del Reggimento Lancieri di Montebello a partire dalle ore 20,30 e dalla regata sei Circoli storici alle ore 17 a Ponte Margherita.

Fin dal 1871, continuando l’opera di Poletti, Ersoch si era occupato dell’abbellimento della passeggiata del Pincio. A partire dal 1887 gli spettacoli pirotecnici vennero riportati sulle terrazze pinciane anche perché la forte corporazione dell’alto magistero dei Focaroli che a Roma era molto potente premeva sul cambiamento del sito, affinché le nuove frontiere raggiunte nel settore pirotecnico fossero messe in mostra nella festa simbolo della Girandola, autentico palcoscenico in questo settore dell’intera Europa.

Nel “La passeggiata del Monte Pincio ridotta a Villa Reale” del 1887 l’architettura che prende come schema i modelli esotici del Vespignani, era costruita da una grande facciata moresca con un grande padiglione centrale, affiancato da avancorpi e da due padiglioni di forme tra loro diverse, posizionate in modo autonomo lungo le rampe di risalita.

Sarà proprio questa macchina pirotecnica a essere presa come oggetto di rievocazione storica dei fuochi d’artificio di quel tempo dal Gruppo IX INVICTA per la realizzazione della Girandola 2017.

LA RINASCITA

2016

2015

2013

2012

2011

2010

2016_sfilata_inaugurale_94

Carnevale Romano 2016

Carnevale Romano 2015

cr_2015_home
2014_sfilata_fano_95

Carnevale Romano 2014

Carnevale Romano 2013

2013_proiezioni_di_porta_del_popolo_37
cr_2012_home

Carnevale Romano 2012

Carnevale Romano 2011

2011_spettacolo_i_cavalli_di_roma_93
edizione-2010-cover-2

Carnevale Romano 2010

Carnevale Romano 2009

GLI EVENTI